Download 
application/pdfRegolamento Tirocinio formativo e di orientamento DEM(PDF | 162 KB)
application/pdfProgetto formativo tirocinio interno e certificazione(PDF | 149 KB)
application/vnd.openxmlformats-officedocument.spreadsheetml.sheetDEM Calendario ore tirocinio interno(XLSX | 64 KB)

Durata e CFU

Puoi iniziare il tirocinio in base a quanto stabilito nel Regolamento didattico del corso (Economia e legislazione d'Impresa, Finanza, Management, Management della sostenibilità e del turismo).
Il tirocinio deve rispettare le disposizioni di legge e del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento del Dipartimento di Economia e Management, presente nei download.
Maggiori informazioni su date di inizio e termine, eventuali sospensioni, orari di tirocinio e assenze sono reperibili all’art. 3 del medesimo Regolamento.
Di seguito le caratteristiche in termini di crediti, durata in settimane ed in ore dei tirocini per i corsi di laurea magistrale del Dipartimento:

CdS CFU Durata (settimane minime) Durata (ore minime)
Economia e legislazione d'Impresa (obbligatorio) 2 4 80
Finanza (obbligatorio) 2 4 80
Management (obbligatorio) 3 8 160
Management della sostenibilità e del turismo (obbligatorio) 6 12 240

Le tipologie di tirocinio sono elencate di seguito.

Tirocinio presso un'azienda/un ente in Italia

Soggetto ospitante: individualo tramite le proposte dell’Ufficio Job Guidance, oppure in maniera autonoma, informando comunque l'Ufficio Job Guidance.
Avvio: segui le procedure di attivazione e svolgimento del tirocinio previste dall'Ufficio Job Guidance.
Durata: n. minimo di settimane come riportato in tabella per ciascun CdS - massimo di 6 mesi, comprensivi del periodo dedicato alla stesura della relazione finale. 
Tutor universitario e tutor aziendale: il tutor universitario è il responsabile didattico del tirocinio. Devi individuare un/una docente che ti possa seguire durante il tirocinio in qualità di tutor universitario. Il delegato di Dipartimento (i cui contatti sono disponibili in fondo a questa pagina) può fornire indicazioni per la ricerca di un tutor universitario. Il tutor aziendale è individuato dal soggetto ospitante il tirocinio. Ruolo e attività del tutor universitario e del tutor aziendale sono descritti all’articolo 7 del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento.
Termine: per il riconoscimento dell' attività di tirocinio segui la procedura di termine tirocinio prevista dall'Ufficio Job Guidance (per la relazione finale vedi le specifiche indicate all’art. 8 del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento).

Tirocinio presso un'azienda/un ente all’estero

Il tirocinio può essere svolto in Europa o in un Paese non europeo.
Avvio: segui la procedura per l’attivazione e lo svolgimento del tirocinio indicata sul sito International nella sezione "Opportunità internazionali per studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale e dottorato" alla voce Bando unico per tirocinio all’estero.
Lo svolgimento del tirocinio deve avvenire sulla base di quanto stabilito nel Learning Agreement for Traineeship.
Durata: minimo* di 2 mesi (60 giorni) con un numero minimo di ore settimanali pari a 32. Non sono previste assenze o interruzioni della mobilità, se non per motivi di forza maggiore.
Tutor universitario: qui trovi le indicazioni per individuare il tutor per un tirocinio in un Paese europeo oppure per un tirocinio in un Paese non europeo. Il tutor aziendale è individuato dal soggetto ospitante il tirocinio.
Ruolo e attività del tutor universitario e del tutor aziendale sono descritti nell’articolo 7 del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento, presente nel box download.
Termine: segui le procedure comunicate via email dall’ufficio mobilità internazionale.

Per il corso di Management della sostenibilità e del turismo la durata minima è pari a 3 mesi

Tirocinio interno - in strutture dell’Ateneo

Il tirocinio interno è un'attività formativa inerente al proprio percorso di studi da svolgere presso laboratori, Dipartimenti o strutture amministrative dell'Ateneo.
Avvio: provvedi alla stesura di un progetto di tirocinio interno (modulo nel box download) e scarica il calendario per la rendicontazione delle ore svolte (modulo nel box download).
Due copie del progetto di tirocinio interno vanno fatte firmare entrambe (una copia del progetto firmato in originale va lasciata alla Struttura ospitante e inviata via email a placement.dem [at] unitn.it, l'altra copia resta al tirocinante):

  • nel caso di tirocinio di ricerca, solo dal docente referente presso il laboratorio/Dipartimento
  • nel caso di tirocinio presso Uffici amministrativi, sia da un docente del proprio corso di laurea (tutor universitario), sia dal tutor della Struttura ospitante

Il tutor universitario/docente referente, invia via email al Delegato di Dipartimento la copia firmata del progetto formativo comunicandone così l'avvio.

Durata: n. minimo di settimane come riportato in tabella per ciascun CdS - massimo di 6 mesi, comprensivi del periodo dedicato alla stesura della relazione finale.
Termine: a conclusione dell’attività formativa, lo studente dovrà presentare al delegato di Dipartimento per i tirocini (vedi contatti) una relazione in cui descrive l’attività svolta (vedi art. 8 del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento) e una certificazione (modulo nel box download) rilasciata dalla struttura ospitante/docente referente attestante l'attività svolta e il numero di ore svolte, unitamente al calendario ore svolte.

Tirocinio nell’ambito della convenzione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto

Il tirocinio, svolto presso uno studio professionale convenzionato con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto è mirato a favorire una forte integrazione tra formazione universitaria e pratica professionale. È altresì possibile svolgere il tirocinio presso uno studio professionale ubicato in territorio nazionale.
Lo svolgimento del tirocinio in convenzione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto prevede inoltre l’esonero dallo svolgimento della prima prova scritta per l’abilitazione alla professione di Dottore commercialista.

Requisiti: il corso di laurea in Economia e legislazione d’impresa è stato progettato per soddisfare i requisiti necessari per l'accesso al tirocinio in convenzione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto. Anche gli studenti frequentanti i corsi di laurea in Management e Management della sostenibilità e del turismo possono accedere a questa tipologia di tirocinio, ma soddisfando dei requisiti minimi in termini di crediti su specifici settori scientifico disciplinari, riportati di seguito:

  • almeno 18 CFU in SECS-P/07 Economia aziendale
  • almeno 9 CFU in SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese, SECS-P/09 Finanza aziendale, SECS-P/10 Organizzazione aziendale, SECS-P/11 Economia degli intermediari finanziari
  • almeno 21 CFU in IUS/04 Diritto commerciale, IUS /05 Diritto dell'economia, IUS /12 Diritto tributario, IUS /15 Diritto processuale civile, IUS/17 Diritto penale

Avvio: consulta la lista degli studi professionali disponibili pubblicata in Moodle attività didattica "Tirocinio in convenzione con l'Ordine", segui le procedure di attivazione e svolgimento tirocinio previste dall'Ufficio Job Guidance e iscriviti al Registro del Tirocinio presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto.
Durata: 18 mesi, di cui 6 curriculari, comprensivi del periodo dedicato alla stesura della relazione finale.
Tutor universitario: è il responsabile didattico del tirocinio, devi individuare un/una docente che ti possa seguire durante il tirocinio in qualità di tutor universitario. Il delegato di Dipartimento (i cui contatti sono disponibili in fondo a questa pagina) può fornire indicazioni per la ricerca di un tutor universitario. Ruolo e attività del tutor universitario e del tutor aziendale sono descritti all’articolo 7 del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento.
Termine: per il riconoscimento della attività di tirocinio devi seguire la procedura di termine tirocinio prevista dall'Ufficio Job Guidance (per la relazione finale vedi le specifiche indicate all’art. 8 del Regolamento del tirocinio formativo e di orientamento) e ottenere l’approvazione da parte dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.
La valutazione del tirocinio è fatta sulla base delle attestazioni indicate dal professionista e dal tirocinante sul libretto di tirocinio rilasciato dall’Ordine.
La verifica sull’effettivo svolgimento del tirocinio spetta all’Ordine, in sede di apposizione del visto semestrale sul libretto di tirocinio. Il professionista redige una relazione ed esprime il proprio giudizio sull’attività svolta dallo studente tirocinante.
Se la prova finale verte sull’esperienza di tirocinio, il tirocinio è valutato secondo le modalità previste dal Regolamento didattico del corso (Economia e legislazione aziendale, Finanza, Management, Management della sostenibilità e del turismo).
Per l’abilitazione alla professione di Dottore Commercialista è obbligatorio avere svolto un periodo di tirocinio presso lo studio di un dottore commercialista, così come previsto dalla normativa vigente.

Tirocinio nell’ambito della convenzione con l’Ordine provinciale dei Consulenti del lavoro

Avvio: al fine di ottimizzare i tempi per l’accesso all’esercizio della professione, gli studenti iscritti ai corsi di laurea magistrale in Economia e legislazione d'impresa, in Management, in Management della sostenibilità e del turismo, in Management dell'innovazione (MAIN), in Management internazionale (MIM) e in Economia Comportamentale e Applicata (BEA) possono chiedere di essere ammessi al periodo di tirocinio (di cui all’art. 9, comma 6, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito in legge 24 marzo 2012, n. 27), tramite istanza da presentare all’Ufficio Job Guidance dell’Università di Trento per il successivo inoltro al Consiglio Provinciale dell’Ordine dei Consulenti del lavoro firmatari la convenzione, entro il 15 dicembre o il 15 giugno di ogni anno.
Il tirocinante/studente, ammesso alla frequenza dello studio, deve chiedere l'immediata iscrizione al registro dei praticanti tenuto dal competente Consiglio Provinciale dell'Ordine, nel rispetto delle disposizioni di cui al vigente Regolamento sul tirocinio obbligatorio per l'accesso alla professione di Consulente del Lavoro.
Durata: gli studenti ammessi allo svolgimento del periodo di tirocinio in convenzione con l’Ordine provinciale dei Consulenti del lavoro svolgeranno un periodo di pratica della durata di sei (6) mesi presso lo studio professionale di un consulente del lavoro, individuato dal Consiglio Provinciale dell’Ordine competente per territorio, regolarmente iscritto all’Albo ed in regola con la formazione continua obbligatoria. Eventuali periodi trascorsi all'estero per la frequenza di corsi riconosciuti dall'Università di Trento determineranno la sospensione del tirocinio per il periodo corrispondente.
Termine: la programmazione, valutazione e verifica sull’effettivo svolgimento del periodo di tirocinio resta di competenza del Consiglio Provinciale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro in cui è iscritto il professionista ospitante.

Attività riconoscibili da parte del Delegato di Dipartimento

In luogo del tirocinio possono essere riconosciute dal Delegato di Dipartimento altre esperienze professionali, come, ad esempio:

  • attività svolte nell’ambito di progetti di imprenditoria giovanile proposti dal tutor universitario;
  • tirocini svolti all'estero nell'ambito di programmi comunitari;

Potranno essere riconosciute equipollenti al tirocinio dal Delegato di Dipartimento, purché coerenti con il percorso di studio e nel rispetto delle eventuali condizioni fissate dal Delegato stesso, limitatamente all'ambito dei corsi di studio il cui Regolamento didattico prevede lo svolgimento del tirocinio curriculare obbligatorio:

  • le esperienze svolte da studenti lavoratori (ai fini del riconoscimento la/o studentessa/studente dovrà inviare al Delegato di Dipartimento una relazione scritta descrittiva delle mansioni svolte controfirmata per conferma dal datore di lavoro);
  • le attività di servizio civile volontario svolte presso gli enti di Servizio Civile Nazionale accreditati (ai fini del riconoscimento la/o studentessa/studente dovrà inviare al Delegato di Dipartimento una relazione scritta descrittiva delle attività svolte controfirmata per conferma dall’ente accreditato ospitante).